mercoledì 25 gennaio 2017

Il Quarto Fato

Laura MacLem


Buongiorno, Bellissimi!
Ebbene sì, siamo ancora vive, vegete e fangirlanti come sempre.
Avevamo bisogno di ricaricarci e fare il punto della situazione. Tornare a scrivere sul blog ci è mancato, voi ci siete mancati, e speriamo di tornare alla carica più decise di prima. Ci perdonate l'assenza?
Per inaugurare il nuovo inizio delle Belle, vi propongo una recensione che ho rimandato a lungo per timore di non riuscire a trasmettere tutto il mio amore per questo libro...
Enjoy!

Titolo: Il Quarto Fato
Autore: Laura MacLem
Editore: Selfpublishing
Prima edizione: 21 marzo 2016
Pagine: 322
Prezzo: Brossura - €10,39; Ebook - €3,99
Link d'acquisto





Epilogo

Così si apre Il Quarto Fato. Ci siete rimasti secchi? Bene, pure io. La verità è che pensavo di avere davanti un retelling di Le mille e una notte e di avere, quindi, una piccola idea di ciò che sarei andata a leggere. Oh, che ingenua.
Ancora una volta Laura MacLem è riuscita a sorprendermi e a incantarmi.
Non dirò altro per quanto riguarda la trama, è un romanzo che va scoperto man mano senza alcuna interferenza.

Di base Il Quarto Fato è una rivisitazione, anche se in maniera diversa rispetto al solito, perché sebbene usi i personaggi della celebre opera, in realtà risulta una sorta di continuazione di Le mille e una notte. E la scelta di quest'ultima non è casuale: quale storia migliore per rendere centrale il tema della narrazione?
Infatti, oltre a raccontare una storia (o meglio, storie), Il Quarto Fato è anche la riflessione sul significato di lettura e narrazione, su cosa sia una storia e sul ruolo dell'immaginazione nella vita, non solo nella finzione letteraria.

«So cosa sono le Moire, Fiorino. A differenza tua, leggo per imparare.» Non ho mai letto un solo libro che non mi abbia insegnato qualcosa, anche solo una briciola, anche solo una parola nuova, avrebbe potuto ribattere. La Favetti proprio non ci arrivava: una cosa era leggere per piacere, e un'altra era sentirsi costantemente sotto esame. Il bello dei libri che Clara leggeva era che non la giudicavano. Avevano una storia da raccontarle e gliela raccontavano, tutto qui. Più ne assimilava, più si divertiva, mentre coi libri scolastici era esattamente il contrario. A differenza tua, io leggo perché mi piace.

Il Quarto Fato è un romanzo in trasformazione, sotto i vostri occhi l'intreccio muterà e si riformerà, sta a voi mantenere la presa su ogni dettaglio e indizio lasciato nelle pagine. È una sfida, un gioco a incastri, un arazzo di storie che si dipanano e vi lasceranno disorientati, se non farete attenzione a seguire i fili dell'intreccio.
Dato che ho lasciato passare molto tempo dalla lettura, per poterlo recensire (e poter tentare di rendergli onore) ho dovuto dare una rinfrescata a ciò che ricordavo ed è stato quasi come leggerlo per la prima volta. Ho riscoperto dettagli che mi ero persa o che avevo dimenticato, ho riassaporato di nuovo la storia. È, secondo me, un pregio ulteriore di questo romanzo: ogni lettura promette di far cogliere un lato che non si era notato in precedenza, come se la storia non smettesse mai di avere qualcosa da dire.

Lo stile dell'autrice è, per me, una garanzia: sempre curato nei minimi dettagli, scorrevole senza essere mai piatto o banale, un ulteriore particolare che va ad arricchire il romanzo.
D'altra parte nulla è lasciato al caso, ogni singolo dettaglio del libro è parte integrante della storia, persino i titoli dei capitoli, che a un primo sguardo lasciano perplessi, non solo hanno un preciso legame col capitolo che aprono, ma si inseriscono nella cornice della narrazione del romanzo.
Spero di essere riuscita almeno in minima parte a spiegare quanto mi sia piaciuto Il Quarto Fato e, soprattutto, i motivi per cui merita di essere letto.
Non è un romanzo per tutti, devo precisarlo, ma non posso che consigliarvelo se avete voglia di qualcosa di particolare e insolito.

“È così per tutti, sire. La mia amata sorella vivrà in eterno, perché in eterno vivranno le sue storie...”
“E allora fa' che diventi una storia!”

Il mio voto

5 specchi

Angharad

5 commenti:

  1. La MacLem mi ha conquistata per sempre con Regina di Fiori e Radici, quindi è scontato che, ad un certo punto, leggerò anche questo.
    Certo che nonostante abbia letto la quarta (e ora anche una recensione) continuo a non sapere minimamente cosa aspettarmi XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem! Quel romanzo ha fatto scattare la scinitilla anche per me. :3
      Purtroppo sarebbe stato impossibile dare un'idea esatta di cosa aspettarsi senza fare spoiler. XD

      Elimina
  2. Complimenti per il tuo bellissimo blog! Ti seguo!
    Se ti va di ricambiare passa da me:
    http://marycosmesi.blogspot.it

    RispondiElimina
  3. Ho amato questo libro come pochi altri: non sapevo cosa aspettarmi ma qualunque cosa potessi aspettarmi mi avrebbe comunque sorpresa. Credo che sia un vero capolavoro, un gioiello inarrivabile che sposta in avanti i limiti della letteratura (se ce ne sono). Sono molto felice che sia piaciuto anche a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo su tutto! È un romanzo che merita davvero moltissimo e mi ha completamente conquistata. 💙
      Grazie per essere passata! :3

      Elimina

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.